Rallentiamo tutti – l’odontoiatria non deve essere eseguita velocemente – Parte 2

Traduzione

Ioana Dariana Stoica

Al giorno d’oggi, c’è un’enfasi crescente sulla qualità rispetto alla quantità, vale a dire che si preferisce un oggetto o un servizio valido piuttosto che una soluzione rapida e semplice. Come ha spiegato il Dr. Miguel Stanley nella parte 1 di questa serie, questo è ciò su cui si basa la Slow Dentistry – un approccio all’odontoiatria più genuino e incentrato sul paziente. Cerca inoltre di riportare l’attenzione delle cure odontoiatriche sull’eccellenza clinica piuttosto che sul profitto. In questa intervista, l’Ambasciatore Globale Onorario di Slow Dentistry per l’Ungheria, la Prof.ssa Katalin Nagy, parla del motivo per cui lo studio dentistico ha richieste diverse nel ventunesimo secolo.

 
Prof. Nagy, la Slow Dentistry ha fatto molta strada. Come ha osservato il processo?

Oltre alla mia carriera accademica, ho esercitato la professione di dentista per più di 40 anni. Ricordo con chiarezza che, proprio all’inizio, quando ho aperto il mio studio privato in Ungheria, le persone misuravano il successo di un dentista in base al numero di pazienti che facevano la fila nella sala d’attesa. Inoltre, se un dentista poteva curarli in brevissimo tempo, lui o lei era considerato/a un/un’ ottimo dentista. So che tutto questo risale a quasi mezzo secolo fa, ma lo ricordo ancora, ed era ovvio che avevamo molta strada da fare. Puoi immaginare i cambiamenti avvenuti nel mio paese da allora, cambiamenti che erano ancora più evidenti quando il SARS-CoV-2 ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo, pur essendo iniziati prima di allora.

 
La Slow Dentistry è importante solo nell’ambito delle specializzazioni come l’endodonzia o la chirurgia orale, ad esempio, oppure si tratta di un approccio da cui qualsiasi dentista generico ne potrebbe trarre vantaggio?

Sottolineo che i capisaldi di Slow Dentistry sono benefici per ogni singolo dentista, così come per gli igienisti e gli assistenti. Questi capisaldi non solo descrivono i diritti dei pazienti, ma aiutano anche i professionisti del settore odontoiatrico a essere in grado di mantenere un lavoro di alto livello, di qualità e duraturo in un ambiente sicuro, che eleverà lo standard del loro studio privato e incrementerà i loro business probabilmente più della pubblicità – per la quale pagano da anni.

 
Il tempo necessario per gli appuntamenti dei pazienti è vitale per il successo del trattamento, il benessere, la comprensione e la sicurezza. Pensa che i pazienti si rendano conto di avere questo potere?

Penso che, il più delle volte, i pazienti nel mio paese non siano ancora completamente consapevoli dei loro diritti. A volte scelgono un dentista in base al design degli interni dei loro studi dentistici (che trovo importante anche io) come misura imprecisa della qualità del trattamento.

Dieci anni fa, dopo aver trascorso molto tempo nelle scuole odontoiatriche, anche all’estero, ho introdotto una materia nel curriculum di Laurea in Odontoiatria chiamata “Comunicazione in Odontoiatria”. La comunicazione richiede non solo competenze, ma anche tempo per i pazienti e i professionisti. L’idea di Slow Dentistry mi ha aiutato a rafforzare questa iniziativa di comunicazione didattica nelle scuole odontoiatriche che ci consente di mettere in piedi un dialogo indispensabile e appropriato prima e durante tutto il percorso terapeutico.

 
Attualmente lei è l’Ambasciatore Globale Onorario di Slow Dentistry per l’Ungheria. Come ha raggiunto questa carica e quali obiettivi intende raggiungere attraverso questo ruolo?

Se consideri il punto di partenza dell’Ungheria mezzo secolo fa, capiresti la grande importanza di questo ruolo. Inoltre, il turismo odontoiatrico è molto popolare nel nostro paese. I pazienti arrivano da un altro paese per un trattamento odontoiatrico completo e in genere rimangono dai sette ai dieci giorni. Sono molto scettica sulla qualità e sul successo a lungo termine di questi trattamenti.

Vorrei introdurre una collaborazione tra Slow Dentistry e l’Associazione Odontoiatrica Ungherese attraverso la quale potremo concedere il riconoscimento Slow Dentistry a quegli studi dentistici che lavorano rigorosamente secondo i principi di Slow Dentistry. Potrebbe essere di grande aiuto sia per i pazienti ungheresi che per quelli stranieri nella scelta del proprio dentista e per ricevere un trattamento di qualità nell’ambiente più sicuro.

 
Il dottor Miguel Stanley, che ha fondato Slow Dentistry, ha scritto nella parte 1 di questa serie che “Il pubblico in generale non ha attualmente idea dei propri diritti durante l’appuntamento dal dentista”. Qual è la sua opinione a riguardo?

Durante la mia carriera ho potuto lavorare in diversi paesi. L’istruzione odontoiatrica è sempre stata famosa nel nostro paese e c’è un’alta percentuale di opportunità di apprendimento pratico per i nostri studenti. Dopo la laurea, i praticanti tendono a dimenticare ciò che hanno appreso sulla qualità e la sicurezza e su come applicarlo. Slow Dentistry riassume e struttura quelle che sono le regole più importanti che abbiamo imparato negli anni e che ogni singolo dentista può seguire.

Spero anche che, dopo l’allentamento delle restrizioni di blocco del COVID-19, noi dentisti ungheresi possiamo invitare il Dr. Stanley per un incontro, cosicché possa trasmettere questi messaggi estremamente importanti di Slow Dentistry al nostro pubblico, in quanto credo che il dialogo di persona con il Dr. Stanley, il quale ha incredibili doti comunicative, dia sempre una spinta unica e insostituibile.

Nota editoriale: per ulteriori informazioni sulla Slow Dentistry, si prega di visitare il sito www.slowdentistry.com. Questo è il secondo articolo di una serie in quattro parti sulla Slow Dentistry e sui suoi principi e vantaggi. È stato pubblicato su Roots―rivista internazionale di endodonzia vol. 17, numero 2/2021.

 

Articolo originale: bit.ly/3MWRvlX

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *